[linux_var] Debian installation nigthware

Luca Lesinigo luca a lesinigo.it
Gio 16 Ott 2014 18:06:42 CEST


Il giorno 16/ott/2014, alle ore 13:55, Lorenzo Lobba <lorenzo.lobba a gmail.com> ha scritto:
>> io a volte ho avuto casini con le partizioni miste tra MBR e GPT, però si bloccava prima nel momento del partizionamento.
> Anche io incomincio ad avere questo dubbio. Dovrei provare a rifare il partizionamento di tutto l'hd.
> Perché a parte la prima installazione, ho fatto la partizione manualmente senza modificare la partzione EFI creata durante la prima installazione, quella fatta con la testing.
FYI, installando Ubuntu (che, per quel che ne so, usa lo stesso debian-installer di debian) su dei pc HP mi è capitato di imbattermi su UEFI.

In quel caso dipendeva da un setting nel BIOS: se il pc era configurato per avviarsi in modalità UEFI (default di fabbrica), anche l'installer di Ubuntu seguiva quella strada. In particolare usava la tabella partizioni GPT già presente sul disco e per il  bootloader usava automaticamente grub-efi.

Anche se l'installazione così fatta risultava perfettamente funzionante, per questioni di coerenza con altri sistemi già deployati dal cliente portavamo tutto su legacy bios. Per farlo effettuavo due operazioni: eliminavo la tabella GPT dal disco (io facevo in altro modo, ma probabilmente si riesce anche da dentro a debian-installer?) e impostavo il bios per avviare il pc in modalità legacy (buon vecchi bios, appunto). A quel punto avviavo l'installazione, la fase di partizionamento trovava un disco vuoto su cui mi faceva creare un MBR standard ed alla fine veniva automaticamente scelgo grub-x86 (cioè quello classico da bios) come boot loader.

In entrambi i casi non ho avuto bisogno di cambiare la fonte di installazione, usavo sempre il netinstall avviato da usb key, e si adattava sia a BIOS che ad UEFI. (per la cronaca ho usato lo stesso metodo per installare linux in dual boot su dei MacIntel, in modalità EFI, dopo aver sostituito il bootloader di sistema Apple con rEFIt che è opensource e molto più configurabile/flessibile).

--
Luca Lesinigo



Maggiori informazioni sulla lista Talking