[linux_var] Incoraggiare le donne all'uso di linux

Lorenzo Lobba lorenzo.lobba a gmail.com
Gio 27 Ago 2009 19:01:27 UTC


2009/8/27 nextime <nextime a nexlab.it>:
> On Tue, Aug 25, 2009 at 09:40:34PM +0200, Anne Ghisla Insubriae wrote:

>
> Una donna e' una brava informatica? bene, e allora che differenza fa il
> fatto che sia donna? Un uomo e' bravo a cucinare ed allevare bambini?
> bene, che lo faccia. E cosi' via.
>
> Ognuno faccia cio' che e' in grado di fare e cio' che piu' gli aggrada
> fare, i risultati poi parleranno per lui, indipendentemente dal sesso
> e/o da qualsiasi altra categorizzazione di cui possa far parte.
Proprio fare gruppo  un punto forte di noi uomini.
Ma hai ragione bisogna giudicare le persone per quello che sono e non
per il gruppo a cui appartengono.

L'informatica premia chi passa tante ore davanti al pc. Di solito le
donne non si fanno coinvolgere cos tanto.
Poi all'interno del mondo linux e hacker, in generale, c' una forte
competizione. La competizione  una delle motivazioni che spinge a
scrivere pezzi di codice per progetti open source. Ma a volte questa
competizione diventa dannosa e certamente non facilita l'approccio a
Linux delle donne.


Ciao
Lorenzo



More information about the Talking mailing list