Re: [linux_var] Educazione: perché tenere un server di casa

Luca Lesinigo lucky a luckyluke.org
Gio 17 Lug 2008 17:31:50 UTC


Il giorno 17/lug/08, alle ore 17:46, Elena of Valhalla ha scritto:
> iao
>> [...]
>> Ma avendo sperimentato di persona potrei snocciolare un sacco di  
>> validissimi
>> motivi per cui NON tenercelo.
> che cosa hai sperimentato di persona?
di tutto e di più, comprese cose che voi umani... :-)

> l'avere un server casalingo per uso interno (che e` quello che  
> proponevano qui)
Ho fatto anni per uso "interno", il classico fileserver con dhcp e  
menate varie, accesso remoto via modem (cioè da fuori mi telefonavo a  
casa, terminale o ppp), anni con BBS (taaaaanto tempo fa su OS/2 sul  
i486 poi, con non poca fatica, su linux), etc.

> o l'hostare un server pubblico sulla propria linea di casa?
Anche. Servizi non di lavoro ma di hobby (sito mio o di amici,  
icecast, etc.), fin dai tempi dell'accesso in dialup su  
"galaflat" (abbonamento flat galactica con chiamata su numero verde)  
56k prima, ISDN poi. Con relativo dyndns.org al seguito. Ho alternato  
anni di linux e freebsd, e posso vantare dei buoni uptime. In genere  
riciclavo hardware di scarto, ad esempio il periodo del bbs su linux  
era un Pentium100 con 32MiB di ram e serie di upgrade fino a P166mmx/ 
128MiB EDO con tag ram estesa su i430HX (ahhhhhhh bei tempi), quando  
il mio pc principale era un K6-3/400MHz, ed i computer in vendita in  
negozio erano forse i primi Pentium3 ed Athlon.

Al giorno d'oggi in casa ho in giro un tot di rottami ma solo due pc  
in uso, uno è l'iMac sulla scrivania che accendo solo quando lo uso  
effettivamente, l'altro un whitebox P4 acceso 24/7 con OpenSolaris, su  
cui oltre alla global zone ho creato due zone rispettivamente 'home' e  
'work', i cui scopi immagino siano facilmente intuibili. Il tutto sta  
su 4x400GB ide in raidz - veramente comodo.

Il fileserver (zona 'home') torna utile considerato che in casa ormai  
ognuno ha il suo pc personale: un desktop in camera di mia sorella, il  
notebook di mio padre, il notebook della badante. In effetti mamma  
nonna e cane sono sprovvisti di computer :)

In rete LAN trovate mp3, films e foto di famiglia, vacanze, etc. CAT5  
coprono varie zone della casa e l'ultimo tratto è affidato per i  
notebook ad accesspoints 54mbit in bridging. Il dhcp è ovviamente sul  
server solaris e la subnet ip è una sola per tutta la LAN di casa.

In realtà sulla linea di casa non offro servizi "pubblici" o per lo  
meno non direttamente. La parte 'work' è backup dei server in  
datacenter (principalmente fatti via rsync in cron), MX secondario,  
dns secondario, e altre menatine così. Ma non ci sono su i siti dei  
clienti, per capirci.

Il che non è tanto legato al sistema in sé quanto alla fuffolinea  
adsl. Gestisco anche altri sistemi su altre adsl che offrono servizi  
sulle rispettive [più o meno fuffo-]linee, compreso anche qualche  
servizio minore a clienti (posso vantare un Sophos EM Library su  
windows dentro vmware, ad esempio :D )

--
Luca Lesinigo


More information about the Talking mailing list