Adunanza Digitale 2006

Diavoletto Taz taz a sitoserio.it
Mer 13 Set 2006 12:02:06 UTC


Vi giro un interessante comunicato da parte dell'hacklab di Caserta, in 
vista di un evento distribuito che stanno organizzando e al quale vorrebbero 
che partecipaste anche voi. 

Carmine D'Errico aka Taz
*********************************** 

.Adunanza Digitale 2006. - parte 1: i diritti digitali
(rev 1.0) 

La libertà è partecipazione. 

Hackaserta 81100 chiama ad Adunanza tutti i LUG, HackLab, collettivi e teste 
pensanti che intendono battersi per la diffusione della conoscenza digitale, 
per la difesa delle libertà digitali, e per uno scambio reale di idee in 
libera diffusione.
Il 4 Novembre in tutta Italia indiciamo manifestazioni e assemblee 
finalizzate ad
usare coscientemente internet, alla difesa della privacy, 
all.implementazione gratuita del VOIP, a contrastare il TCG, e soprattutto 
alla promozione del software libero e delle tematiche ad esso correlate. In 
pratica tutte iniziative volte ad accrescere nella gente la consapevolezza 
dei propri diritti e la conoscenza degli strumenti che possono utilizzare, 
liberamente, per utilizzarli al meglio. 

(PREMESSA: Per .Gruppo/i. si intende ogni forma, riconosciuta o meno, di 
insieme di persone volte a promuovere la diffusione del sapere ed i principi 
del free software con tematiche ad esso correlati : Lug, Associazione, 
Hacklab, collettivo, simpatizzanti, amici, ecc .) 

La creazione di Adunanza Libera nasce dall.osservazione di eventi simili ma 
che presentano alcuni punti sui quali Hackaserta 81100 non si riconosce. In 
particolare eventi come, ad esempio, il LinuxDay presentano le seguenti 
problematiche: 

1) I workshop sono limitati dalla conoscenza degli individui sul territorio. 

In altre parole, chi conosce un argomento può replicarlo sul suo territorio, 
chi non conosce
l.argomento è limitato a declinare su altre argomentazioni. 

Questo rende l.evento poco divulgativo; sia per chi organizza (non 
dimentichiamo che lo
scambio di conoscenza deve esserci anche fra i vari Gruppi, non solo per i 
niubbi) che per chi assiste all.evento stesso. Inoltre il materiale prodotto 
va disperso e non vi rimane che qualche traccia negli anni, sotto forma di 
presentazione, solo nella cache di Google. 

Tenendo bene a mente il concetto di condivisione, che è alla base della 
realizzazione di un
progetto libero, Adunanza utilizzerà massicciamente software libero ed 
internet per raccogliere il materiale da condividere con il resto dei gruppi 
organizzatori. 

Tutti i Gruppi potranno avvalersi di due strumenti:
a) un Palinsesto, preventivamente concordato, e trasmesso in videoconferenza 
in diretta a tutti.
Il Palinsesto sarà una sorta di ordine del giorno dell.assemblea. Esso sarà 
aperto sia ad ospitare interventi realizzati dalle diverse adunanze, sia 
agli interventi preventivamente concordati da singoli (potrebbe, ad esempio, 
intervenire Linus Torvalds via webcam). 

Durante l.evento la partecipazione sarà attiva tramite un Operatore che, su 
internet, raccoglierà domande via chat dedicata e le rivolgerà al relatore 
di turno. 

b) tutti coloro che registreranno un workshop (video, oppure audio) potranno 
metterlo in
condivisione sul network di Adunanza Libera tramite un portale dedicato allo 
scambio degli stessi tramite protocollo Bittorrent. Unitamente ad altre 
piattaforme quali VLC, mozilla, Xine, il portale sarà basato sul software 
.Democracy., per il libero scambio di file video ed audio. Gli stessi video 
potranno essere ritrasmessi, a discrezione del Gruppo organizzatore, durante 
il proprio evento. 

2) Le tematiche trattate devono strettamente attenersi a linee guida 
predefinite. 

Non esiste solo Linux. Il mondo del free software è variegato, e questo è 
un.altro suo grande punto di forza. Linux da solo non rappresenta tutta la 
comunità. Altre soluzioni di altri sistemi operativi, sotto altri tipi di 
licenze e filosofie sono disponibili con valori altrettanto validi (sistemi 
*BSD, ed altri software che pur se non sotto licenza GPL hanno un valore 
sociale indiscutibile). 

Per non parlare della filosofia virale che accompagna il software. Cosa mi 
impedirebbe di fare un workshop su Wikipedia o sui diritti digitali, o su 
Google, o sulle Creative Commons, se questo portasse più consapevolezza a 
chi mi ascolta, consapevolezza degli strumenti digitali che utilizza e delle 
cose che accadono a sua insaputa. Non è pensabile che un evento del genere 
sia incentrato solo su Linux. 

Adunanza si pone come obiettivo di divulgare il più possibile la conoscenza 
dei diritti digitali e degli strumenti per proteggerli. Qualsiasi tematica 
affrontata dai Gruppi organizzatori, coerente alla filosofia del software 
libero, può trovare respiro in Adunanza. 

3) L.Organizzazione è centralizzata e fa capo ad un solo ente coordinativo 

Ogni Gruppo fa capo ad un solo ente che gestisce le linee guida dell.evento. 
Questo lascia poco spazio decisionale, o nullo, ai singoli Gruppi che hanno 
facoltà di scegliere soltanto (forse) il logo e discutere le scelte degli 
altri in mailing list. 

In Adunanza ogni Gruppo collabora alla stesura di un Palinsesto, e le 
decisioni importanti
vengono prese sulla base di libere votazioni democratiche, tramite uno 
strumento di
collaborazione che permette la crescita di un progetto, e non la discussione 
fine a se stessa: il Wiki. 

La condivisione della conoscenza riguarderà anche gli eventi puramente 
organizzativi. Come ottenere il patrocinio di un comune, come chiedere 
sponsor, trovare posti, chiedere la connessione, creare una associazione a 
costo zero, aiuti sul legalese o sulla parte economica: tutta la 
documentazione relativa a problemi organizzativi o di coordinamento sarà a 
disposizione di tutti. 

4) Ogni Gruppo provvede da se per il materiale da distribuire al pubblico 

Distribuire software libero è un costo, sia per il lavoro della copia dei 
CD/DVD, sia per il
materiale stesso. Anche se in minima parte i Gruppi di Adunanza sono 
privilegiati.
Grazie ad un accordo con Ubuntu (Canonical LTD), Adunanza potrà fornire 
buona parte delle copie di Linux in formato originale ad ogni Gruppo, anche 
poche settimane prima dell.evento. 

5) L.organizzazione principale prende i meriti se lo si chiama .LinuxDay..
Anche se la maggior parte dei Gruppi utilizza soltanto la sigla .LinuxDay., 
per motivi di
risonanza internazionale, e per spirito di gruppo; chiamare l.evento 
.LinuxDay. fa solo
aumentare la risonanza e il valore di ILS, poichè l.evento .LinuxDay. nasce, 
si sviluppa ed è una iniziativa riconosciuta da tutti come ideata da ILS. 

Confronto: AD vs LD
Adunanza - Linuxday
Organizzazione: Network Libero - ILS
Strumento di creazione di materiale: Wiki - ML
Evento: Distribuito sulla rete (videoconferenza, bittorrent) - Ogni Gruppo a 
se
Potere decisionale Gruppo: Palinsesto - Logo
Tematica: Software libero, diritti digitali - Linux



More information about the Talking mailing list