brutti giorni in rete

lenz lenz-ml a oinko.net
Mer 19 Maggio 2004 05:49:59 UTC


1. passa il decreto urbani (così com'era, salvo la promessa che in futiro 
cambierà tutto.....)
2. le idee sul software diventano brevettabili anche in europa. smetteremo 
di irridere gli americani per i processi farsa sui brevetti: tra un po' 
inizieranno anche da noi.

brutti giorni in rete.
l.

==============================

L'Europa vara i brevetti sul software

Il software diventa brevettabile in modo non dissimile da quanto avviene 
negli USA. I ministri europei riescono a modificare il voto del Parlamento 
europeo che si era espresso contro. L'Italia, che si era detta contraria, 
si è astenuta	

19/05/04 - News - Roma - Il Governo italiano che nelle scorse ore con una 
serie di lettere tra ministri si era detto contrario alla legge europea 
sulla brevettabilità del software, al momento cruciale ieri si è astenuto: 
con un colpo di mano maturato nelle ultime settimane il Consiglio europeo 
dei ministri sulle Competitività è riuscito a far passare una direttiva 
che introduce la brevettabilità più ampia per il software in Europa. Sulla 
scia di quanto già accade negli Stati Uniti.

Non sono bastate, dunque, le mobilitazioni che per lunghi mesi sono state 
alimentate dai sostenitori del software libero e delle libertà digitali, 
non sono bastati i richiami al buon senso da parte di intellettuali e 
operatori informatici e, soprattutto, non è bastato il voto 
dell'Europarlamento. Il fatto che l'assemblea di Strasburgo avesse con 
chiarezza bocciato la brevettabilità all'americana, e lo avesse fatto 
perché apparivano ormai chiarissimi i rischi che rappresentava, non è 
stato sufficiente.

Ciò è accaduto, evidentemente, per le complesse procedure comunitarie e 
per il ruolo di secondo piano che il Parlamento europeo riveste rispetto 
alle decisioni dei ministri dei paesi membri. Non è un caso che proprio 
nelle scorse ore medesimo destino e percorso abbia seguito un altro 
provvedimento, quello sul trasferimento agli USA dei dati relativi ai 
passeggeri europei. Non solo, il Consiglio ha annullato le modifiche di 
Strasburgo su molti degli aspetti più controversi.

Con il voto di ieri, dunque, il mercato del software europeo entra in una 
nuova fase, dove le imprese potranno brevettare programmi e parti di essi 
e dove gli sviluppatori indipendenti dovranno trovare nuovi modus 
operandi, aggirando quei brevetti laddove possibile o pagando le royalty a 
chi li avrà registrati.

http://punto-informatico.it/p.asp?i=48265

===========================================


19/05/04 - News - Roma - Il ministro dei Beni culturali Giuliano Urbani ce 
l'ha fatta: ieri al Senato il provvedimento che introduce anche la galera 
per chi duplica certi file via Internet è divenuto legge. La speranza 
degli oppositori, e tra questi il senatore dei Verdi Fiorello Cortiana che 
ha ieri ritirato quasi 750 emendamenti al provvedimento, è che il Governo 
faccia presto ciò a cui si è impegnato, cioè introduca, in una successiva 
legge, le correzioni ritenute necessarie.


La nuova Legge Urbani, che apparirà nei prossimi giorni in Gazzetta 
Ufficiale, oltre al finanziamento pubblico per certe attività 
cinematografiche e sportive si scaglia a peso morto, come noto, contro il 
peer-to-peer o, meglio, l'uso che anche in Italia centinaia di migliaia di 
utenti ne fanno. L'introduzione della locuzione per trarne profitto 
sostitutiva di a fini di lucro, come noto, ha portato nel testo ormai 
approvato la possibilità di incorrere in sanzioni penali anche per chi fa 
esclusivamente uso personale di file protetti, a causa di precedenti 
interpretazioni in Cassazione su questa locuzione. Il testo completo del 
provvedimento è disponibile qui.

Hanno votato a favore tutti i partiti della Casa delle Libertà mentre si 
sono astenuti i Democratici di Sinistra, Margherita, UDEUR e SDI. Hanno 
votato contro soltanto i Verdi, Rifondazione comunista, Comunisti italiani 
e dipietristi.

http://punto-informatico.it/p.asp?i=48267






-- 
Creato con M2, il rivoluzionario client e-mail di Opera: 
http://www.opera.com/m2/



More information about the Talking mailing list